Lo stelvio.. Livigno…Saint Moritz e Val chiavenna

Ore 9.30 partiamo dall’hotel Sole di Prato allo Stelvio, un albergo molto carino e comodo con personale disponibile ed anche preciso e a volte un po pignolo… Iniziamo una leggera salita e mentre affrontiamo il primo tornante leggiamo un numero… 48… eh si, per arrivare in cima dobbiamo affrontare ben 48 tornanti, uno dopo l’altro,stregati da un atmosfera surreale, nuvole basse un po di traffico si.. ma sembrava tutto ovattato ed emozionante, strano a scrivere queste parole ma è un emozione che consiglio di vivere una volta nella vita. Si va avanti e dopo un Po si arriva in cima …CIMA COPPI Èstrano siamo a 2760 mt. E ci sono baracchini che vendono hot-dog… a tal proposito anche se erano le 10.30 io lo avrei mangiato volentieri ma gli altri non hanno voluto, mi dovrò rifare… una banca con bancomat e tantissima gente. Dopo una pausa iniziamo la discesa ma anziché scendere verso Bormio svoltiamo a destra per la Val Mustair in Svizzera tanti pascoli verdi, strade belle, con curve sinuose che riappagano i nostri occhi fino ad arrivare all’imbocco del tunnel munt la schera, dove si deve pagare 12€ per l’ingresso (si paga all’uscita), ma si taglia un bel pezzo di strada e appena fuori siamo al passo Gallo e si costeggia tutto il lago fino ad arrivare a Livigno.

Dopo aver passato una notte ristoratrice presso gli appartamenti dell’astrahotel proprio in centro a Livigno, partiamo in direzione di Saint Moritz passando dal passo del bernina e il lago biancoe dopo un po di bella strada al fianco di pascoli di mucche e pecore arriviamo a Saint Moritz bella cittadina ma non mi ha emozionato, però ho mangiato un hot dog leccornioso… Non troppo economico ma ne è valsa la pena … e poi ero un debito dallo Stelvio.

Lasciamo alle nostre spalle la cittadina e iniziamo a fiancheggiare i laghi dove fanno da cornice una miriade di kite surf coloratissimi…km dopo km scolliniamo il passo Maiola e inizia una stupenda discesa di curve e controcurve una più bella dell’altra rimango affascinato e me la godo tutta senza pensare a niente ma solo strada, sole e la musica della moto.

Dopo qualche km che la strada torna pianeggiante torniamo all’interno dei nostri confini e scendiamo in Val Chiavenna dove troviamo sulla strada un chiosco per biker molto carino e hanno anche carta e prodotti per pulire i caschi ed il personale è molto gentile e disponibile e a malincuore ci salutiamo e ci diamo un arrivederci al prossimo giro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: